Post Format

Dopo la ricostruzione, avviamo la Costruzione

Ieri abbiamo scritto, prima della tragedia del terremoto, della necessità di rimettere mano agli appalti nelle costruzioni per ridare un senso di speranza a questo Paese e garantire occupazione a chi è meno tutelato, i lavoratori meno istruiti.

Dopo che questo Governo avrà, grazie anche allo straordinario lavoro delle nostre forze dell’ordine, dell’esercito, dei vigili del fuoco e della protezione civile e di tutti i volontari, ben coordinato – come siamo sicuri che farà - gli aiuti alle popolazioni colpite e avviato la macchina della ricostruzione, verrà il tempo di avviare un dibattito operativo sulla monumentale domanda che questo Paese ha, per la sua conformazione geologica e per il suo essere il museo all’aperto del mondo, di prevenzione anti-sismica. E di come soddisfarla.

Decine di miliardi potrebbero essere ogni anno stanziate per mettere in sicurezza nelle zone a rischio 1 e 2, alcuni tra i nostri capolavori più fragili, alcune strutture più strategiche, come ospedali e scuole, e poi alcuni dei tantissimi edifici belli o funzionali di quei paesi e paesini che sono case, case di persone che devono vivere in ambienti sostenibili, anche rispetto al terremoto. Con un ordine di priorità e con un esplicita dispensa europea.

1% di PIL l’anno, 16 miliardi, per 10 anni.

Sono convinto che Renzi sia all’altezza di questa missione. Di costruire, oltre che ricostruire, un nuovo futuro per questo Paese.

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*