Post Format

¿Qué se puede hacer con 8,122 millones de pesos?

The slides that I cherished the most in Mexico City’s wonderful conference on Transparency and Integrity in public procurement  were presented by Dr. Javier Dávila Pérez, Head of the Unit of Public Procurement Policies in the Subsecretaría de Responsabilidades Administrativas y Contrataciones Públicas of the Government of Mexico, a wonderful man that believes that procurement is all about changing for the better peoples’ lives.

Ecco le slide che ho amato più di tutte alla bellissima conferenza messicana su trasparenza ed appalti pubblici. Sono tratte dalla presentazione del Dr. Javier Dávila Pérez, Capo dell’Unità degli Appalti Pubblici nella Subsecretaría de Responsabilidades Administrativas y Contrataciones Públicas del governo messicano, un uomo dagli occhi pieni di gioia e calma passione che crede che con gli appalti pubblici possiamo rendere migliore la vita dei cittadini.

They are poetry for me. He had previously said (slides not shown) that the Mexican Government had achieved 8,122 mn. of pesos of savings through good procurement. And then he asks, “what can you do with 8,122 mn pesos?”. Yes, what can you do with all these savings? Just watch. I won’t translate, the poetry needs a bit of effort from you to savor beauty.

Queste slides sono poesia. Nelle slides precedenti aveva appena finito di dimostrare come il governo messicano, grazie ad una politica efficace degli appalti (sconosciuta in Italia) aveva raggiunto 8,122 milioni di peso di risparmi. E si domanda “cosa si può fare con 8,122 milioni di pesos?”. Già, cosa si può fare? Guadate sotto. Non traduco, è poesia e merita di essere letta con tutta la lentezza del caso per assaporare la bellezza.

This is the one I like the most. Look at the bridge. The bridge of Mexico. Questa è la mia preferita, 8,122 milioni per unire due rocce e consentire la traversata. 20 centers for Culture. 20 centri per la Cultura.

Mexico! Messico!

It can be done. Si può fare.

Even in Europe. Anche in Europa.

Anche nel nostro bellissimo, stanco, Paese.

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*