Post Format

Europa, Marte.

Il Gruppo dei 20, G-20, è il forum principale per la cooperazione internazionale sugli aspetti più importanti nell’agenda finanziaria ed economica internazionale. Il G-20 include 19 paesi membri e l’Unione europea, che rappresentano il 90% del PIL mondiale, 80% del commercio mondiale, due terzi della popolazione mondiale.

Sul sito si legge che i suoi obiettivi sono: 1) coordinamento delle politiche dei suoi membri per raggiungere la stabilità economica globale e crescita sostenibile, 2) promozione della regolazione finanziaria per ridurre i rischi e prevenire future crisi finanziarie, 3) creare una nuova architettura finanziaria internazionale.

Ulla! Importante. Come importante devono essere le sue deliberazioni. Nel 2009, a Londra, al termine del primo Summit del 2009 (eccezionalmente nel 2009 e 2010 ci furono 2 summit in un anno, vista la gravità della crisi), i Leader mondiali firmarono la dichiarazione di intenti conclusiva.

Andiamola a rileggere (punti 26 e 27).

Riconosciamo la dimensione umana di questa crisi. Ci impegniamo a sostenere coloro che sono stati colpiti dalla crisi, creando opportunità di lavoro e misure di supporto al reddito…. Sosterremo l’occupazione stimolando la crescita, investendo in istruzione … e tramite politiche attive del lavoro, con attenzione a coloro che sono più vulnerabili…. Abbiamo concordato di fare il migliore uso possibile di investimenti finanziati da programmi di stimolo fiscale con l’obiettivo di raggiungere una ripresa durevole, sostenibile e eco-compatibile.

G-20? Coordinamento mondiale delle politiche? Forse noi europei viviamo su Marte. Forse viviamo in Europa, che fa parte di Marte. Forse ci sono 19 paesi nel G-20 ed una Unione di osservatori. Distratti, indifferenti alla crescita ed alla dimensione umana di questa crisi.

Grazie Ste.

2 comments

  1. Sì prof, il suo sarcasmo fa sorridere: amaro, molto amaro. Lei non ritiene che questa Europa marziana si stia dimostrando sociopatica e priva di sostanziale democrazia? E se sì, crede davvero che possa essere emendata dall’interno (ma con quali mezzi?) o piuttosto – come temo io – occorra uscirne per provare a rifondarla un domani partendo da basi più democratiche, più solidali e meno mercantili?

    Reply

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*